Un viaggio d'eccezione, in Sicilia, terra magica dove visiteremo l'Orto Botanico di Palermo, la Valle dei Templi e i Giardini di Kolymbethra.

Era un anno fa, e il primo numero di Web Garden inaugurava con il tema della Rinascita, simboleggiata in natura dal fiorire del mandorlo, il primo albero a regalare i suoi dolci fiori dopo le rigidità dell’inverno.

Quest’anno Web Garden ha deciso di portare i suoi lettori direttamente sul posto, in Sicilia, affinché possano vivere di persona quel sogno che l’anno scorso avevamo loro solo evocato con le immagini e le parole fra Palermo e Agrigento per visitare di persona l’Orto Botanico di Palermo, la Valle dei Templi e il magnifico Giardino di Kolymbethra accompagnati da esperti e potendo soggiornare in alcuni dei luoghi più belli della Sicilia.

Un weekend di rinascita creato per voi da Web Garden!

Maggiori informazioni sulla pagina Giardini di Sicilia.


Programma

Il nostro tour siciliano si apre con la sistemazione nello splendido Hotel Piazza Borsa di Palermo.

Situato in pieno centro e vero luogo della memoria, un tempo era un antico monastero, tanto che al suo interno si può ancora ammirare il chiostro cinquecentesco appartenuto ai frari mendicari, mentre la sala d’ingesso “Ducrot” liberty disegnata da Basile è stata dichiarata bene monumentale.

L’albergo è a pochi passi dalla storica trattoria la Casa del Brodo, dal Dottore, che ci accoglierà alle 21:00 per la cena di benvenuto!

Il Professore Paolo Inglese, direttore del Centro Servizi del Sistema Museale di Ateneo, ci guiderà nella visita dell’Orto Botanico dell’Università di Palermo, un vero e proprio “museo vivente”, con oltre cinquemila specie diverse e duecento anni di attività: una delle maggiori istituzioni accademiche italiane del suo genere, ed un trionfo della natura a due passi dal mare.

 Johann Wolfgang Goethe nel suo Viaggio in Italia dedicò all’Orto Botanico di Palermo le seguenti parole:

“Nel giardino pubblico vicino alla marina ho passato ore di quiete soavissima. È il luogo più stupendo al mondo. Nonostante la regolarità del suo disegno, ha un che di fatato; risale a pochi anni or sono, ma ci trasporta in tempi remoti”.

La Kalsa è uno dei più antichi e affascinanti quartieri di Palermo. Risale al periodo della dominazione islamica ed il suo nome deriva dall’arabo “khalisa”, ossia “l’eletta”, poiché al suo interno si trovava la cittadella fortificata dell’emiro e la sede della sua corte. Oggi è uno dei luoghi più brulicanti di vita e di storia dell’intera città, ed è lì che vi porteremo a pranzo, nel pittoresco ristorante Ciccio in Pentola.

Noto per il suo pesce freschissimo, questo ristorante è amato soprattutto per la qualità delle sue materie prime ed è particolarmente apprezzato per la sua cucina tipicamente palermitana. Sono piatti di grande tradizione, senza tuttavia disdegnare accostamenti nuovi.

Una volta giunti ad Agrigento, ci recheremo al Villa Athena Resort, l’unico hotel a 5 stelle immerso nel cuore del Parco Archeologico della Valle dei Templi, Patrimonio Mondiale dell’Umanità, con accesso diretto al plesso archeologico.

Residenza principesca delle fine del XVIII secolo, e posta dinanzi al Tempio della Concordia, vero capolavoro dell’arte dorica del V secolo a.C., dal quale dista solo 200 metri, Villa Athena è un resort dove natura, arte e bellezza si fondono da 2500 anni al cospetto degli Dei.

Un aperitivo precederà la cena, curata dallo chef stellato Valentino Palmisano, che coniuga alla sua grande esperienza internazionale, un’autentica passione per i sapori di Sicilia.

Il percorso all’interno della Valle dei Templi ci riporta a tempi antichi dei greci.

Il giardino di Kolymbethra, Agrigento

Famoso nel mondo per il suo eccellente stato di conservazione, con i suoi 1300 ettari è uno dei maggiori siti archeologici del Mediterraneo: visiteremo fortificazioni e mura antichissime, e naturalmente i magnifici templi tra cui quello di Giunone, uno dei i più grandi dell’epoca, quello di Zeus o ancora il meraviglioso Tempio della Concordia, fra i meglio conservati. Potremo ammirare il più antico dei Templi agrigentini, dedicato a Ercole, e il santuario delle Divinità Ctonie: Demetra e Persefone.

La giornata proseguirà con la visita ai Giardini di Kolymbetra. Questo luogo incredibile si trova in una piccola conca situata all’interno della Valle dei Templi, tra il Tempio dei Dioscuri e quello di Vulcano. Lì, oltre a splendidi agrumeti, potremo ammirare la fioritura del mandorlo, simbolo del ritorno alla vita dopo il lungo inverno.

Nel corso della visita, saremo onorati dalla guida del Professore Giuseppe Lo Pilato, agronomo e direttore del sito. Il Professore ci illustrerà le meraviglie di questo giardino e ci racconterà della sua la lunga battaglia, intrapresa nel lontano 1980, per riportare all’antico splendore “quel piccolo angolo della terra promessa”, come lo descrisse l’Abate di Saint Non nel 1778. Kolymbetra deve la sua rinascita al Professore Lo Pilato e a chi ha creduto nella sua battaglia, come il FAI, che si è da subito appassionato alla causa e che oggi gestisce il giardino.

La mattinata si concluderà con il pranzo al ristorante Kokalos, presso la Valle dei Templi. Situato in un antico casale e circondato dalla tipica vegetazione mediterranea, Kokalos dispone di tre ampie sale e una splendida terrazza panoramica, sviluppata su due piani, con vista sul Tempio di Giunone.  

Il ristorante Kokalos è unico nel suo genere: vi si trova il meglio dell’enogastronomia italiana e siciliana, ospitalità e servizi impeccabili, un ambiente estremamente gradevole e una vista da togliere il fiato. Il menù è eterogeneo: ristorante tipico con specialità di pesce fresco, carne alla griglia, pizzeria con forno a legna, e una ricca selezioni di vini dell’enoteca.