L’Herbarium di Cristiana Ruspa

Si chiama Atropa belladonna è una pianta tossica ma nel contempo largamente utilizzata in ambito fitoterapico perché contiene sostanze che, se impiegate al di sotto del dosaggio letale, possono essere di grande aiuto per la salute umana; al contrario, se impiegate con un dosaggio uguale o superiore alla soglia letale, può provocare una morte di atroci sofferenze.