Sotto la superficie degli oceani si cela una magnifica biodiversità, un ecosistema unico, quello dei boschi sommersi di alghe.

Questo articolo fa parte del numero 25 di Web Garden: Praterie sommerse

Sotto la superficie degli oceani si cela una magnifica biodiversità, dove i raggi del sole filtrano attraverso l’acqua per portare nutrimento ad un ecosistema unico, quello dei boschi sommersi di alghe.

Questi incredibili paesaggi sottomarini, dominati da una cospicua diversità di specie di vegetali, giocano un ruolo fondamentale nel mantenere la salute del nostro pianeta e nel garantire la sussistenza alle innumerevoli specie sottomarine.

Web Garden vi condurrà nell’affascinante mondo dei giardini subacquei, esplorando il loro apporto ecologico, le specie che lo abitano e le minacce che affrontano a causa dei cambiamenti climatici.

ù

Il polmone verde delle foreste sommerse è costituito dalle alghe kelp, che rappresenta uno degli habitat più produttivi e biodiversificati del pianeta Terra.

Così come le loro corrispettive terrestri, queste foreste marine servono a far respirare gli oceani, e attraverso la fotosintesi producono una porzione significativa dell’ossigeno totale necessario alla vita. Le alghe kelp sono una specie di marcroalghe marrone e costituiscono il primo abitante di questo ricco ecosistema acquatico.

Queste alghe svettano dalle profondità dei fondali fino a raggiungere enormi altezze, creando così delle strutture verticali che vanno a costituire un complesso habitat tridimensionale che ospita una moltitudine di organismi.

La biodiversità delle foreste sommerse è davvero stupefacente. Questi regni nascosti nella profondità dei mari sono abitati da specie di forma e dimensione tanto varie da spaziare dal micro plancton ai grandi predatori. L’intricata struttura delle alghe kelp consente ai piccoli pesci di rifugiarsi dalle specie carnivore, e a queste un fertile terreno di caccia.

Uno degli abitanti di questi regni sono le lontre. Questi giocosi mammiferi sono noti per arrotolarsi nelle alghe kelp durante il sonno, così da non essere trascinati via dalla corrente. Le lontre a loro volta giocano un ruolo vitale nel mantenere la salute dei boschi di kelp: ghiotte di ricci marini, impediscono che la loro popolazione si accresca eccessivamente e che decimi il letto algoso, il che porterebbe a conseguenze nefaste per tutto l’ecosistema subacqueo. 

Le foreste di kelp hanno un effetto positivo di cui anche noi beneficiamo. Hanno infatti il compito di immagazzinare grandi quantità di anidride carbonica, contribuendo a mitigare le variazioni climatiche. Così come i boschi emersi, quelli sommersi giocano il compito di regolatori climatici grazie allo stoccaggio del carbonio nella loro biomassa.

Nonostante il loro ruolo fondamentale all’interno dell’ecosistema, anche le praterie sottomarine sono soggette ad una moltitudine di minacce che deriva direttamente dal comportamento dell’uomo. L’innalzarsi delle temperature dell’acqua, diretta conseguenza del surriscaldamento climatico, impatta duramente sull’equilibrio di questo ecosistema.

Mari troppo caldi conducono ad un impoverimento di alghe kelp, e una maggiore acidità dell’acqua influisce negativamente sulla loro capacità di costruire la loro propria struttura di carbonato di calcio. Anche la pesca intensiva reca un danno sostanziale a queste preziose alghe.

L’impoverimento di specie essenziali come le lontre ed i pesci erbivori innesca una reazione a catena che porta al degrado dell’ambiente erboso sottomarino. Pertanto è fondamentale che vi siano sforzi espliciti e concertati per preservarne l’integrità, implementando regole per una pesca sostenibile, stabilendo oasi marine protette ed in generale stimolando la consapevolezza alla preservazione di questi tesori tanto fondamentali sotto come sopra la superficie dei mari.

I boschi sommersi sono fondamentali non solo per la loro intrinseca bellezza, ma per il contributo che nel perfetto equilibrio della Natura ogni elemento porta all’assoluto del sistema. Questi ambienti ricchi di vita e generatori di vita, parte di un ecosistema ricchissimo e complesso ed abitati da moltissime specie animali, richiedono la nostra attenzione e la nostra cura per il benessere della vita sottomarina e per l’equilibrio delle specie terrestri, inclusa la nostra. Salvaguardarne il futuro diventa quindi non solo una responsabilità, ma una necessità che si deve al pianeta ed alle generazioni che lo erediteranno.